Posts contrassegnato dai tag ‘tempo’

Traduzione a cura di Denis Gobbi

La maggior parte degli esseri umani ha 75 anni di età come aspettativa di vita.

Si tratta di 3.900 settimane. Ovvero di 27.000 giorni. 648.000 ore.

Spendiamo un terzo delle nostre vite dormendo, un numero che non è cambiato molto lungo i secoli.

Quello che è cambiato è cosa facciamo nella restante parte della giornata.

Come mostrano questi grafici, durante gli ultimi 150 anni, grazie all’irreprensibile ingegnosità e ingenuità dell’animale uomo, si è verficato un profondo cambiamento nel come utilizziamo le rimanenti ore di veglia.

Ci sono 168 ore in una settimana, 56 vengono spese per dormire, rimangono quindi 112 ore per tutto il resto.

150 anni fà, spendavamo 70 di queste ore lavorando.

Grazie ai miglioramenti fatti nella produttività negli ultimi 150 anni, le ore lavorative settimanali medie sono scese di circa 30 ore.

Questo notevole picco nelle ore lavorative ci ha reso disponibile moltissimo tempo libero.

Quindi cosa facciamo con tutte queste ore extra che la miracolosa produttività e progresso tecnologico ci hanno permesso di ottenere per noi stessi?

Li spendiamo guardando la televisione.

Secondo dati recenti, l’essere umano medio spende 4 ore al giorno, ovvero 28 ore a settimana, guardando la televisione.

Se quindi si vuole riassumere efficacemente il risultato del progresso umano negli ultimi 150 anni, possiamo farlo in questo modo: abbiamo ottenuto come massimo risultato il risparmio di ben ~30 ore di lavoro a settimana, e le usiamo per guardare la TV.

Fonte: uk.businessinsider.com

Se sei soddisfatto dell’articolo e vuoi aiutarmi a migliorare il servizio, o semplicemente offrirmi un caffè, puoi farlo cliccando qui sotto, il tempo che dedico a questa attività è per la mia crescita e la vostra, senza altri fini. Donando mi aiuterete a migliorare continuamente il sito e a mantenere alta la mia motivazione nel farlo. Grazie 🙂

Donazione

Creative Commons License

This work by https://lospiritodeltempo.wordpress.com/ is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0 International License.

Tradotto da Daniel Iversen

Toronto, 6 febbraio 2012 – Che cosa significa per voi “tempo libero”? Quando non siete al lavoro il tempo lo passate o lo spendete?

La differenza potrebbe avere un impatto su quanto siete felici. Un nuovo studio mostra che le persone che danno un prezzo al loro tempo sono anche quelle più soggette a essere impazienti quando non lo stanno usando per guadagnare, e questo danneggia la loro capacità di trarre felicità dal tempo libero.

“Trattare il tempo come denaro può effettivamente minare il vostro benessere” dice Sanford DeVoe, uno dei due ricercatori che hanno svolto lo studio alla Rotman School of Management dell’Università di Toronto.

Il professor DeVoe e il dottorando Julian Houses hanno basato le loro conclusioni su tre esperimenti. In ciascuno di essi ai partecipanti di un sotto-gruppo è stato indotto, attraverso alcune domande del sondaggio, di pensare al loro tempo in termini di denaro. Questo gruppo successivamente ha mostrato una maggiore impazienza e una più bassa soddisfazione nel tempo libero introdotto durante gli esperimenti. Tuttavia, quelli messi nel sotto gruppo hanno riportato più divertimento e meno impazienza quando sono stati ricompensati ascoltando della musica, durante una di queste attività.

I risultati degli esperimenti dimostrano che pensare al tempo in termini monetari “cambia il modo in cui vivi il tempo” dice il professor DeVoe. “Due persone possono vivere la stessa cosa, nello stesso periodo di tempo, ma reagire in modo molto diverso”.

Con la crescita nelle ultime decadi di lavori pagati all’ora, è indispensabile che la gente sia consapevole dell’impatto che questo può avere sulla loro capacità di apprezzare il loro tempo libero, dice, permettendogli di godersi davvero la vita.

Fonte: Zeitnews

Licenza Creative Commons
Questo opera è distribuito con licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.