Posts contrassegnato dai tag ‘scanner’

applied sciences banner

Traduzione a cura di Denis Gobbi

 

Intel ha lavorato ad uno scanner 3D talmente piccolo da poterlo integrare nel più piccolo dei tablet . La compagnia mira ad inserire questa tecnologia in questi dispositivi a partire dal 2015, il CEO Brian Krzanich ha detto alla folla del MakerCon avvenuta a New York giovedì scorso che i piani dell’azienda sono quelli di integrarla anche negli smartphone.

Il nostro obiettivo è di dotare un tablet con questa tecnologia, di modo che i consumatori possano comprare un dispositivo nel 2015 dotato di questa capacità, dovremmo essere in grado in due/tre anni di applicarla anche agli smartphone”

Krzanich e alcuni suoi colleghi hanno dato una dimostrazione della tecnologia, denominata “RealSense” sul palco del MakerCon utilizzando una persona come modello e un assistente che semplicemente ha girato intorno al soggetto alcune volte puntandogli un tablet contro. Un completo rendering 3D è poi lentamente apparso sullo schermo sopra al palco in pochi minuti. I risultati della scannerizzazione 3D possono quindi venir manipolati con un software o stampati direttamente con una stampante 3D.

L’idea è questa, sei fuori casa, vedi qualcosa che ti piace, semplicemente la catturi per stamparla in seguito

Ha spiegato Krzanich, aggiungendo che i tablet con questa tecnologia giungeranno sul mercato nel terzo/quarto quadrimestre del prossimo anno e che Intel stà pianificando anche di dotari droni con questa tecnologia.

Il precursore dei tablet con capacità di scanning 3D si tratta di un tablet android Dell Venue 8 7000 series annunciato all’inizio del mese, integrante innovazioni tecnologiche come Intel RealSense snapshot depth camera che introduce una fotocamera a piani di luce nel mondo dei tablet.

Altre informazioni reperibili sul sito ufficiale Intel.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

Fonte: gizmag.com

Se sei soddisfatto dell’articolo e vuoi aiutarmi a migliorare il servizio, o semplicemente offrirmi un caffè, puoi farlo cliccando qui sotto, il tempo che dedico a questa attività è per la mia crescita e la vostra, senza altri fini. Donando mi aiuterete a migliorare continuamente il sito e a mantenere alta la mia motivazione nel farlo. Grazie 🙂

Donazione

Creative Commons License

This work by https://lospiritodeltempo.wordpress.com/ is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0 International License.

Annunci


Traduzione a cura di Denis Gobbi

Mentre le stampanti 3D diventano sempre più popolari, le loro possibilità possono divenire limitate se non si dispone delle abilità necessarie nel creare modelli 3D personalizzati. Questo ha spinto e portato alla creazione di software più intuitivi e semplici, ma anche alla progettazione di scanner 3D convenienti capaci di digitalizzare oggetti reali. Il “Photon” 3D di Matterform è l’ultimo sviluppato nonchè più conveniente dispositivo di questa categoria, la cui creazione è divenuta possibile grazie ad una campagna di crowdfunding completata con successo.

Lo scanner 3D "Photon" della Matterform è una soluzione alla portata di creatori e artisti

Lo scanner 3D “Photon” della Matterform è una soluzione alla portata di creatori e artisti

Il “Photon Scaner 3D”, il quale analizza gli oggetti grazie ad una fotocamera ad alta definizione e un doppio laser, è relativamente piccolo come dimensioni, perciò può scannerizzare solo oggetti grandi al massimo 190 x 190 x 250 mm. Secondo Matterform lo scanner è facile da usare, richiede solo un minimo set-up, e può scannerizzare qualsiasi oggetto in meno di tre minuti.  I dati possono successivamente essere esportati nei formati più comuni (.STL, .OBJ e .PLY) così da essere pronti da usare con stampanti 3D o da modificare con altri software di modellazione.

Un modello di cappello scannerizzato tramite il Photon 3D Scanner

Un modello di cappello scannerizzato tramite il Photon 3D Scanner

Sfortunatamente la compagnia non ha risposto alla richiesta di foto aggiuntive riguardanti i risultati degli scan, ma da quanto si evince in questa limitata galleria gli essi non sembrano essere così fedeli quanto alcuni suoi competitori. A differenza dello scanner “CADScan3D” ad esempio, la Photon non genera dati riguardanti il colore e scannerizza soltanto lungo il piano orizzontale (il che può risultare in riproduzioni incomplete a causa delle parti occultate dall’oggetto stesso, infatti nella foto il modello 3D del cappello viene accuratamente nascosto nella parte superiore probabilmente per nascondere difetti)

In ogni caso, questi compromessi sembrano essere accettabili dato il prezzo con cui questa soluzione approda sul mercato, ovvero 440$: meno della metà di una CADScan3D. Oltretutto, anche se ancora non è stato comunicato il prezzo della Makerbot Digitizer, esso sarà quasi certamente superiore. Dopo aver doppiato il traguardo stabilito su indiegogo in meno di 10 giorni, i primi utilizzatori otterranno i primi modelli a Luglio.

Incontriamo gli ideatori e ammiriamo lo scanner in funzione nel video sottostante.

Fonte: gizmag

Licenza Creative Commons
Questo opera è distribuito con licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.