Posts contrassegnato dai tag ‘hp’

research banner

Traduzione a cura di Denis Gobbi


Nei piani di HP una stampante che combina la stampa di vetro con quella di altri materiali, come indicato da una recente richiesta di personale.

ugellostampante3d

HP non sembra contenta con la sola stampa 3D di materiali plastici. Un lavoro per un “esperto di robotica per stampa 3D” suona abbastanza normale finchè non approfondisci l’argomento e nel testo trovi questo:

HP Labs sezione ricerca nel campo della stampa di materiali inorganici stà lavorando sulla stampa ibrida di vetro (e altri materiali inorganici) in oggetti già prodotti su larga scala

La stampa 3d generalmente è riservata a materiali plastici e metallici. Sentir parlare di stampa di vetro risulta abbastanza inusuale. Ma HP ha sicuramente le sue ragioni. In accordo con un documento risalente al 2012 di HP Labs:

Dato che la terra è composta al 90% da minerali silicati, non ci sarà mai carenza di questo tipo di risorsa.Il vetro è facile da riciclare ed è amico dell’ambiente. Il vetro è economico ma ha un’apparenza elegante, è piacevole al tatto ed è così familiare da far si che i clienti non diano troppo peso alla sua fragilità – a certe condizioni.

Modelli 3d stampati in vetro

Modelli 3d stampati in vetro

Esistono diversi metodi per produrre vetro, e questo documento indica che HP è interessata ad adattarne più di uno alle stampanti 3D. Le stampanti possono, per esempio, eliminare la necessità di uno stampo. Gli artigiani del vetro potrebbero usare una stampante 3D per creare un modello di vetro della complessità desiderata, e successivamente riscaldarlo in un forno.

Quello che non ci è completamente chiaro dell’annuncio è dove parla di “oggetti precedentemente prodotti in scala di massa”. Non è chiaro cosa voglia dire esattamente, ma viene in mente l’elettronica. La stampa 3D potrebbe provvedere ad un metodo relativamente economico di aggiungere vetro a modelli complessi.

HP è in procinto di lanciare la sua prima stampante 3D in Ottobre. Non ne sappiamo molto eccetto il fatto che sarà orientata al mercato business e porterà potenziale respiro all’azienda attualmente in difficoltà. Certamente non sarà una stampante per vetro. Questo progetto vivrà ancora a lungo solamente all’interno dei laboratori di HP.

Fonte: gigaom.com

Se sei soddisfatto dell’articolo e vuoi aiutarmi a migliorare il servizio, o semplicemente offrirmi un caffè, puoi farlo cliccando qui sotto, il tempo che dedico a questa attività è per la mia crescita e la vostra, senza altri fini. Donando mi aiuterete a migliorare continuamente il sito e a mantenere alta la mia motivazione nel farlo. Grazie 🙂

Donazione

Creative Commons License

This work by https://lospiritodeltempo.wordpress.com/ is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0 International License.

Annunci

Traduzione a cura di Daniel Iversen e Claudio Galbiati

Credo di essermi innamorato. Finalmente un computer creato non solo per la performance e l’aspetto, ma anche per la facilità nella riparazione e nell’upgrade da parte dell’utente. HP sta mostrando il Z1, una workstation “all-in-one” magnificamente minimalista ma che ancora possiede tutte le caratteristiche.

HP afferma che si tratta della “prima workstation all-in-one con un display da 27″ che si apre a scatto per farvi cambiare i pezzi ed effettuare aggiornamenti. Senza attrezzi.”Questo è il primo modello al mondo nel suo genere, che possiamo apprezzare veramente.Nel video che mostra le caratteristiche dello Z1, notate cosa viene detto a 2:33. Li viene evidenziato il suo design che non necessita di attrezzi. Hanno voluto adottare un’ apertura di tipo “pop-up” così che  “l’alimentazione, la scheda grafica, l’hard disk, il drive ottico, il sistema di raffreddamento Blower, e la memoria, sono facilmente accessibili e rimuovibili senza bisogno di attrezzi.
E’ possibile invece la richiesta di essi per tutti gli altri componenti.”

Questo significa anche riparazioni facili e aggiornamenti fatti in casa se siete degli smanettoni. Questo mi fa tanto, tanto felice!

Un altro aspetto che ci piace finora è la certificazione Energy Star. Tuttavia non guardiamo di buon occhio il fatto che ciuccia energia come un grosso 400 W, ma questo è accettabile considerato che stiamo parlando di un display (incredibile) di 27″, aggiunto a un computer potente con una ottima elaborazione di calcolo. Ma.. wow, è davvero un grande consumo di energia per qualcosa che rimane acceso otto o più ore tutti i giorni. Eppure, il consumo probabilmente è destinato a scendere una volta che sarà migliorata l’efficienza nella tecnologia dello schermo e del processore, e sappiamo che la tecnologia è in costante miglioramento.

 

La workstation ha un prezzo di $ 1900 e uscirà verso aprile

Fonte: HP and Treehugger

Licenza Creative Commons
Questo opera è distribuito con licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.