Posts contrassegnato dai tag ‘acqua’

research banner

Traduzione a cura di Denis Gobbi

Dei ricercatori hanno identificato fattori chiave necessari allo sviluppo di un catalizzatore che permetterà loro di replicare la fotosintesi e convertire l’anidride carbonica in carburante pulito.

leafMolti scienziati hanno speso decenni nel tentativo di replicare il processo della fotosintesi – quella reazione che permette alle piante di convertire il biossido di carbonio, acqua e luce solare nello zucchero che alimenta la loro crescita. Se riuscissimo a replicare una “fotosintesi artificiale”, saremmo essenzialmente in grado di creare in maniera facile ed economica biofuel dall’eccesso di anidride carbonica presente nella nostra atmosfera. E’ stato provato però come questo risulti un traguardo estremamente difficile da raggiungere.

Biparticelle metalliche di oro/rame usate come catalizzatore nella degradazione del biossido di carbonio, una reazione chiave necessaria alla fotosintesi artificiale

Biparticelle metalliche di oro/rame usate come catalizzatore nella degradazione del biossido di carbonio, una reazione chiave necessaria alla fotosintesi artificiale

Ora, scienziati del Lawrence Berkeley National Laboratory negli Stati Uniti hanno raggiunto un importante traguardo, identificando due fattori chiave che dovranno essere considerati nella creazione di un catalizzatore che riduca il biossido di carbonio e aiuti a guidare la sua conversione in zucchero.

Un catalizzatore è essenzialmente una sostanza che velocizza una reazione senza subire nessuna variazione chimica di per sè. Fino ad ora, la ricerca di questo catalizzatore che possa legare selezionatamente ed efficientemente il bioossido di carbonio e le molecole che lo trasformano si è dimostrata estremamente ardua. Per cercar di scoprire di più riguardo i fattori che potrebbero influenzare questo catalizzatore “ideale” il team di ricerca ha creato diversi set di leghe di nanoparticelle bimetalliche di oro-rame.

Queste leghe, tutte con differenti composizioni, sono state testate per cercare di capire quale fosse la più efficace nel degradare il biossido di carbonio e i suoi prodotti intermedi come l’acido carbossilico e il monossido di carbonio.

Quel che hanno scoperto è l’esistenza di due fattori chiave, interconnessi e coinvolti nel determinare l’efficacia di un catalizzatore: gli effetti elettronico e geometrico. L’effetto elettronico si riferisce ai sottili cambiamenti nella composizione superficiale che determinano quanto bene una molecola si legherà al catalizzatore, mentre l’effetto geometrico coinvolge la disposizione degli atomi nel punto di lega.

L'esperto di nanoscienze Peidong Yang possiede una cattedra al "Berkeley Lab, UC Berkeley and the Kavli Energy NanoSciences Institute" di Berkeley

L’esperto di nanoscienze Peidong Yang possiede una cattedra al “Berkeley Lab, UC Berkeley and the Kavli Energy NanoSciences Institute” di Berkeley

“Agendo sinergisticamente, gli effetti elettronico e geometrico determinano la forza legante della reazione intermediatrice e conseguentemente la selettività ed efficienza catalitica nella riduzione elettrochimica del biossido di carbonio.” ha affermato in un rilascio alla stampa Peidong Yang, il chimico che ha guidato lo studio. “In futuro, il design di un buon catalizzatore dotato di una buona attività e selettività per la riduzione del biossido di carbonio richiederà l’attento bilanciamento di questi due effetti, come ha rilevato il nostro studio.”

Usando queste informazioni, possono ora cominciare a creare un catalizzatore che li aiuterà a trasformare il sogno della fotosintesi artificiale in realtà.

Il team crede che le nanoparticelle possano creare il catalizzatore ideale per via dei loro vantaggiosi rapporti superficie/volume e superficie/massa; combinandoli insieme potranno sbloccare potenziali ancor più grandi.

“Con queste leghe, crediamo di poter regolare la forza degli intermediatori sulla superficie del catalizzatore per potenziare l’efficacia della reazione che ci permetterà di ridurre il biossido di carbonio.” ha detto Yang.

“Le nanoparticelle costituiscono una piattaforma ideale per lo studio di questa dinamica perchè, tramite appropriati processi di sintesi, possiamo avere accesso ad una grande varietà di composizioni, dimensioni e forme, donandoci una comprensione più profonda della performance di un catalizzatore tramite un preciso controllo dei siti attivi.”

Utilizzando i benefici delle nanoparticelle combinate con la scoperta dei fattori chiave che determinano l’efficacia di un catalizzatore, Yang crede che la strada per miglioramenti verso l’ottenimento di una fotosintesi artificiale sia ormai stata tracciata.

Fonte: nature.com

Se sei soddisfatto dell’articolo e vuoi aiutarmi a migliorare il servizio, o semplicemente offrirmi un caffè, puoi farlo cliccando qui sotto, il tempo che dedico a questa attività è per la mia crescita e la vostra, senza altri fini. Donando mi aiuterete a migliorare continuamente il sito e a mantenere alta la mia motivazione nel farlo. Grazie 🙂

Donazione

Creative Commons License

This work by https://lospiritodeltempo.wordpress.com/ is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0 International License.

Traduzione a cura di Denis Gobbi

NDT Con questo post apro una nuova categoria del blog, chiamata “Favola o Realtà?” (come noterete il banner della categoria non è ancora pronto, stò cercando un volenteroso grafico in grado di crearlo in quanto non dispongo di sufficienti abilità grafiche) il punto di domanda è voluto, in quanto da persone con una mentalità integra, aperta e indipendente, è dovere di ognuno di noi valutare ogni possibilità senza pregiudizio di sorta. Gli articoli pubblicati sotto questa etichetta saranno spesso commentati in quanto, sfociando nella sfera della scienza di confine, ritengo necessario far sapere cosa è secondo me attendibile scientificamente e cosa invece è da tenere in dubbio, perchè anchio – come voi – ritengo necessario il confronto e l’esame attento delle informazioni.

In questo particolare esempio, ritengo la prima parte un’esame davvero intelligente della definizione di denaro e delle conseguenze riguardo la scoperta di una fonte di energia estremamente abbondante ed economica, la seconda invece, un tuffo nella possibilità di una teoria chiamata elettrogravità, molto suggestiva e interessante.

Buona lettura!

Denis

Per poter capire le vere fondamenta del denaro, occorre contemplare il come sia nato in primo luogo.

Una volta passata per la nostra società il tempo dei clan dove baratto e commercio cominciarono a fiorire, divenne comune applicare un determinato valore nei prodotti frutto di energia umana. Se una persona aveva speso energia per costruire un arco, andare a caccia, uccidere un animale, lavorarne la carcassa e trasportarne la carne indietro per venderla o barattarla, questa carne acquisiva valore. I componenti per fabbricare l’arco erano gratuiti, così come l’animale. Lo stesso era valido per l’agricoltore, che spendeva energie significative nel coltivare, seminare, tendere, raccogliere e trasportare il frutto del suo lavoro. Questo produceva valore. Anche il raccoglitore faceva lo stesso, spendendo energie cercando risorse da raccogliere per poi trasportarle con se e usarle per barattarle con altri oggetti utili. Anche il minatore spendeva molte energie per trovare metalli (gratuiti), estrarli dalla terra e trasportarli.

Da quel momento in poi, nacque la pratica di utilizzare la moneta ed altri oggetti per rappresentare questa energia spesa nel trasporto di grandi quantità di beni, così come per l’acquisire un qualche bene necessario senza avere lo specifico bene che la controparte voleva in cambio. Successivamente, gli esseri umani passarono alle banconote quando la moneta e i gioielli diventarono troppo ingombranti (e pure insicuri e costosi da produrre ndt) da usare come mezzo di scambio. Successivamente, giungemmo alla moneta elettronica, perchè anche le banconote risultano ingombranti (e costose ndt) in milioni, miliardi, trilioni di transazioni. Ma ancor oggi le fondamenta di tutti queste unità monetarie rimangono le energie spese, umane o basate sulle risorse (olio, carbone, nucleare etc.).

Detto questo, diviene chiaro che un aggiunta di abbondante energia – nella forma overunity (o free energy, energia libera) e nella robotica(il rimpiazzo di energie umane nel lavoro necessario ma che nessuno vuole fare) – nell’equazione rende qualsiasi bisogno di denaro – che sia baratto, commercio, scambio di lavoro, moneta, contante, fondi elettronici – totalmente inutile.

Se viene azzerato il costo dell’energia – umana ed esterna – su tutta la linea, il solo limite diviene quel che il pianeta che ci ospita è in grado di darci.

NDT – Quello che segue è una parte dell’articolo senza solide fondamenta scientifiche riconosciute, ho ritenuto giusto pubblicare la traduzione integrale ma, dato il taglio fortemente scientifico del blog, ho deciso di avvertire i lettori in merito a questo.

Ora, ovviamente, molti saranno portati a dire: ” Ma non c’è nessuna fonte gratuita di energia ! . E in questo, sareste in errore. Ci sono probabilmente state molte soluzioni all’incessante bisogno di energia, alla sua produzione e trasporto, soluzioni però soppresse dall’avida elitè al potere. Sono pienamente consapevoli che aggiungendo energia gratuita, il potere che esercitano sugli altri, per mezzo del denaro, si dissiperebbe totalmente, lasciandoli soli a se stessi.

peopletruepower

Anche se esistono esempi di auto che vanno ad acqua, di estrazione di energia dal campo magnetico terrestre aventi brevetti poi comprati e fatti sparire, di vite minacciate (sia degli inventori che delle loro famiglie) e di omicidi, io conosco una di queste tecnologie che non solo offre l’overunity, ma anche il controllo della gravità. E, al contrario di tutti gli esempi precedenti, la negentropia (entropia negativa) è una delle sue caratteristiche. Il raffreddamento è presente in questa equazione, al contrario del riscaldamento.

Questa scienza/tecnologia è l’elettrogravità.WIKI-Gra-ity-300x267

Indietro negli anni ’50, l’elettrogravità con l’effetto Biefeld-Brown come sue fondamenta,  era oggetto di ricerca da parte di tutte le maggiori compagnie aerospaziali: Lockheed, Boeing, Convair, Lear erano molto eccitate nell’esplorare cosa questa scienza avesse da offrire. Ad un certo punto, intorno al ’59 o ai primi anni ’60, tutto questa tecnologia divenne altamente classificata apparentemente per le sue implicazioni se usata nel campo degli armamenti. La vera ragione per cui divenne altamente classificata invece fù per via delle sue capacità overunity. L’elite al potere capì che quella era la più grande minaccia al loro dominio e controllo.

Come fonte di energia, l’elettrogravità e l’ideale. Da lì, possiamo ottenere energia pulita, facilmente ricavabile, che non contribuisce all’entropia dell’universo (affermazione tecnicamente scorretta, ndt). A causa della sua efficacia e a causa della politica simil-nazista adottata dall’elite per il controllo del pianeta – con per esempio provvedimenti fascisti quali il “Patrioct Act, NDAA, TSA etc…” – è fondamentale che la consapevolezza di questa tecnologia possa giungere fino al punto di non ritorno.

Se riusciremo a reggiungere tal punto, l’umanità intera chiederà a gran voce questa tecnologia e potrà liberarsi definitivamente da:

  • povertà
  • fame
  • schiavismo (illegale o legale/salariato)
  • guerra (la maggior parte delle guerre sono provocate per far profittare i produttori di armi e le aziende produttrici di infrastrutture (ricostruttrici)
  • il controllo della maggioranza esercitato da pochi
  • l’amore per il denaro (la radice di tutti i mali)
  • il bisogno di pagare per l’educazione (andando il più delle volte in debito o negandosela del tutto)
  • l’obsolescenza programmata
  • cure occultate (cure che non sono profittabili nel lungo periodo, la gente malata è un’ottima fonte di guadagno)
  • spam
  • pubblicità invasiva
  • la politica per guadagno personale
  • OGM (controllo agricolo)
  • acqua privata
  • fracking, deforestazione, estrazione di petrolio e carbone
  • corporazioni
  • corporazioni agricole pagate per non produrre assolutamente nulla (per tenere i prezzi gonfiati grazie alla legge della domanda e dell’offerta)
  • dottori più interessati ai soldi che alla salute dei pazienti
  • banchieri
  • assicurazioni
  • macchine per il voto con software proprietario (perchè una semplice macchina per il voto deve essere privata? perchè accettiamo queste cose?)
  • rifiuti (i supermercati buttano centinaia di migliaia di tonnellate di cibo ogni mese, perchè non profittevole o necessario; altri rifiuti come gli imballaggi possono essere quasi totalmente eliminati, l’obsolescenza pianificata non esisterebbe più)
  • etc…

C’è molto di più da elencare, ma come potete vedere, anche solo questa lista fornisce la chiara eliminazione della maggior parte dei problemi che stiamo correntemente affrontando.

Fonte: wakingtimes.com

Se sei soddisfatto dell’articolo e vuoi aiutarmi a migliorare il servizio, o semplicemente offrirmi un caffè, puoi farlo cliccando qui sotto, il tempo che dedico a questa attività è per la mia crescita e la vostra, senza altri fini. Donando mi aiuterete a migliorare continuamente il sito e a mantenere alta la mia motivazione nel farlo. Grazie 🙂

Donazione

Creative Commons License

This work by https://lospiritodeltempo.wordpress.com/ is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0 International License.


Traduzione a cura di Denis Gobbi

La regione più ventosa della Germania, Schleswig-Holstein, raggiungerà probabilmente l’autosufficienza energetica da rinnovabili quest’anno. La sua produzione elettrica sarà in grado di soddisfare il 100% del suo consumo.  Schleswig-Holstein ha in progetto di raggiungere fino al 300% di energia generata con rinnovabili. Quest’area per la maggior parte rurale è connessa in una rete che gli permette di vendere gli eccessi di energia ed eventualmente acquistarne da fonti convenzionali quando il vento non è sufficiente a soddisfare il consumo in toto. La piccola regione ha circa 7’000 impiegati nel settore eolico e il costruttore di turbine Vestas ha qui i suoi stabilimenti. Un report di un’associazione eolica tedesca stima per il 2030 una produzione elettrica proveniente da questa fonte pari a 25’000MW su area marina e 4’000/6’000MW su terraferma. L’energia eolica fà così parte della cultura di questa regione che non stupisce la presenza di un programma di Master in Ingegneria del Vento. (La regione in questione confina con la Danimarca a nord ed è situata tra il Mare del Nord ed il Mar Baltico.)

 

Schleswig-Holstein via Shutterstock

 

 

Già 8 anni fà, il 30% dell’energia della regione veniva prodotta tramite energia energia eolica,  i progressi sono stati enormi.

Arrivare al 100% di energia rinnovabile è un traguardo enorme, ma non sarebbe il primo in Germania. Il villaggio di Feldheim produce il 300% dell’energia che consuma da rinnovabili, principalmente  eolico e biogas. (Migliaia di visitatori vi si recano ogni anno per ammirarne le verdi tecnologie.)

Vi sono più di 190 siti di energia pulita in Germania, così tanti che la Guida alle Destinazioni Verdi per turisti è andata in sold-out alla prima edizione. Sarà curioso vedere quanti turisti anche Schleswig-Holstein riuscirà prossimamente ad attirare.

 

Fonte: cleantechnica.com

Licenza Creative Commons

Questo opera è distribuito con licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.


Traduzione a cura di Denis Gobbi

Per la prima volta, i chimici sono riusciti a produrre con successo una cellula artificiale contenente organelli capaci di eseguire i vari steps di una reazione chimica. Tutto questo è avvenuto all’Istituto per le Molecole e i Materiali (IMM –  Institute for Molecules and Materials della Radboud University Nijmegen. La scoperta è stata pubblicata durante il 2014 nel primo numero del giornale “Angewandte Chemie” ed è stato messo in evidenza anche da “Nature Chemistry”

E’ compito difficoltoso per i chimici replicare la chimica delle cellule vive in laboratorio.  Dopotutto, in una cellula tutte le diverse reazioni avvengono simultaneamente nella stessa piccola area, in diversi scomparti e in maniera incredibilmente efficiente. Quest’ultimo è il motivo principale per cui i chimici tentano in tutti i modi di imitare il loro funzionamento. Facendo questo, sperano inoltre di imparare di più sull’origine della vita, e più in particolare della transizione tra reazioni chimiche e biologiche.

Da sinistra a destra: le sostanze sono confinate in piccole sfere (gli organelli) e mischiate con reagenti ed enzimi. Tutto questo confinato all'interno di una parete cellulare polimerica.

Da sinistra a destra: le sostanze sono confinate in piccole sfere (gli organuli) e mischiate con reagenti ed enzimi. Tutto questo confinato all’interno di una parete cellulare polimerica.

Jan Van Hest e l’aspirante PhD Ruud Peters hanno creato i loro organuli riempiendo piccole sfere con agenti chimici epiazzandole all’interno di una goccia d’acqua. Hanno quindi sapientemente ricoperto questa goccia con uno strato di polimeri: la membrana cellulare.  Usando la fluorecenza sono riusciti a  dimostrare come la cascata di reazioni avvenisse in luogo effettivamente. Questo porta loro ad essere i primi chimici a creare una cellula artificiale con organuli funzionanti. Proprio come le cellule del nostro corpo, gli agenti chimici sono capaci di transitare nel plasma della cellula dopo le reazioni negli organuli per essere elaborate altrove nella cellula.

Vista ravvicinata di una cellula polimerica con organelli.

Vista ravvicinata di una cellula polimerica con organelli.

Ricercando l’origine della vita

La creazione di strutture simil-cellulari è al momento molto gettonata nel campo della ricerca chimica, come prova la sperimentazione di diverse tecniche all’ IMM. Il professor Wilhelm Huck per esempio, stà creando cellule a partire da piccole goccie di soluzione molto simile al citoplasma, mentre il già citato gruppo di Van Hest le stà creando usando dei polimeri.

Gruppi in competizione tra loro stanno lavorando vicini alla biologia, creando cellule ad esempio da acidi grassi. Vorremmo tentare di fare lo stesso in futuro. Un altro passo in avanti consisterebbe nel produrre cellule che si producono energia autonomamente. Stiamo inoltre lavorando a metodi di controllo del movimento delle sostanze nella cellula, attraverso gli organuli. Simulando questi meccanismi riusciremo a comprendere meglio le cellule viventi. Un giorno, saremo in grado di crearne copie realmente simili a quelle vere.

Articolo riportato anche su “Nature Chemistry” e “Angewandte Chemie

Fonte: ru.nl

Licenza Creative Commons

Questa opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Traduzione a cura di Denis Gobbi

Un artista olandese sta lavorando alla creazione di una foglia artificiale nel deserto del Sahara che possa permettere la creazione di uno strato di ghiaccio sulla sua superficie inferiore.

(altro…)