Traduzione a cura di Peter Ray

La lotta contro il riscaldamento globale ha subìto una determinante spinta con la Cina. Il più grande produttore mondiale di anidride carbonica, per la prima volta, ha proposto di fissare un tetto per le emissioni di gas a effetto serra.

Schermata 05-2456435 alle 18.45.23La proposta della Cina, che è responsabile di un quarto delle emissioni di carbonio al mondo, consiste in un tetto per le emissioni di gas a effetto serra a partire dal 2016, nel tentativo di frenare quello che la maggior parte degli scienziati concorda nell’essere la causa principale dei cambiamenti climatici.
Questo segna un drastico risvolto di approccio della Cina nei confronti del cambiamento climatico, e gli esperti affermano che con ogni probabilità influenzerà gli altri Paesi nel promuovere politiche che prevedono tagli rigorosi per le emissioni di carbonio in uno sforzo coordinato per affrontare il riscaldamento globale.
“Questa è una notizia molto emozionante”, ha detto Lord Stern, presidente dell’Istituto di Ricerca Grantham su Cambiamenti Climatici presso la London School of Economics.
“Una mossa di tale importanza dovrebbe incoraggiare tutti i paesi, e in particolare quelli con enormi emissioni come gli Stati Uniti, ad intervenire in maniera più decisa in tema di cambiamento climatico, migliorando le prospettive per un forte trattato internazionale concordato ai massimi vertici delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico nel 2015 “, ha aggiunto Lord Stern. Nel suo rapporto del 2006 per il governo del Regno Unito sulle implicazioni finanziarie del cambiamento climatico, ha prodotto quello che molti considerano il più influente documento politico unico al mondo sul tema.

Quasi 200 paesi di tutto il mondo si sono impegnati a concordare obiettivi giuridicamente vincolanti per ridurre le emissioni al prossimo vertice significativo sul cambiamento climatico a Parigi nel 2015.

Senza un robusto accordo globale gli esperti dicono che non vi è praticamente alcuna possibilità di mantenere il riscaldamento globale a 2 ° C – oltre il quale, concordano la maggior parte degli esperti, le conseguenze diverrebbero sempre più disastrose.
Doug Parr, scienziato capo di Greenpeace, ha detto: “Questo è un grande cambiamento di posizione della Cina, e dovrebbe sbloccare la situazione di stallo con gli Stati Uniti nei negoziati globali sul cambiamento climatico. Senza un accordo tra questi due grandi attori, è difficile pensare che possa essere raggiunto un accordo nel 2015 “.
Gli Stati Uniti sono al secondo posto per emissioni di anidride carbonica, pari al 17,6 per cento del totale mondiale, mentre il Regno Unito rappresenta il 1,6 per cento.
Il Segretario della “Climate and Energy Change”, Ed Davey, in un’intervista al “The Indipendent”, ha detto che il cambiamento di approccio della Cina in tema lo ha reso più fiducioso nell’ipotesi che un accordo possa essere raggiunto nel 2015.

“Alla fine dello scorso anno la leadership cinese ha cambiato e ha inziato a parlare di creare una ‘civiltà ecologica’. Questo non significa che essi hanno firmato per ogni singolo colloquio sul cambiamento climatico, ma riconoscono che il loro modello economico deve tener conto dell’inquinamento dell’ambiente e dei danni che sta facendo alla salute delle persone “, ha detto il signor Davey .

“Rispetto a molti altri , sono davvero più fiducioso nella nostra capacità di concludere un accordo ambizioso sul cambiamento climatico nel 2015. Obama nel suo secondo mandato vuole chiaramente agire su questo, è c’è stato un formidabile e drammatico cambiamento di posizione dell’America. Insieme con il cambiamento della Cina, le ‘placche tettoniche’ di negoziati globali sul cambiamento climatico si stanno spostando veramente “, ha aggiunto Davey.
Mr Davey ha detto che vorrebbe vedere il Regno Unito assumere un ruolo di primo piano nelle discussioni sul cambiamento climatico globale per conto del blocco negoziale europeo. Tuttavia, egli si è mostrato preoccupato per l’aumento dello scetticismo del partito Ukip che potrebbe trascinare i membri della destra di Tory in quella direzione, danneggiando la credibilità della Gran Bretagna nel dibattito sul riscaldamento globale.
Elliot Diringer, del “Climate Center and Energy Solutions” in Virginia negli Stati Uniti, ha commentato la mossa della Cina nei confronti della soglia come “notizie incoraggianti e sicuramente un passo nella giusta direzione”, ma sostiene che il suo vero impatto dipenderebbe dal livello di questa soglia.
La proposta di introdurre un tetto è stata fatta da parte dal China’s National Development and Reform Commission (NDRC), agenzia responsabile per la pianificazione dello sviluppo sociale ed economico del paese. Tuttavia la proposta deve essere accettata dall’ufficio gabinetto della Cina e dal Consiglio di Stato per essere adottata, ma gli esperti sostengono che l’agenzia è estremamente influente e che lavora con un governo che sembra essere sempre più impegnato per l’ambiente. L’agenzia ha anche detto che la società si aspetta che le emissioni a effetto serra della Cina raggiungeranno il picco nel 2025, cinque anni prima che la sua precedente stima.
La Cina si è impegnata a ridurre la sua cosiddetta intensità di carbonio – la quantità di CO2 prodotta per ogni dollaro di produzione economica – di circa il 40 % entro il 2020 rispetto ai livelli del 2005. Tuttavia, questo consente ancora un notevole incremento delle emissioni, seppur più lento. Il limite proposto di NDRC rappresenterebbe per la prima volta una Cina che si è impegnata a ridurre le sue emissioni assolute – qualcosa che gli Stati Uniti non sono ancora riusciti a fare.
Lord Stern ha detto che la mossa cinese rappresenta un ulteriore segnale che l’Unione Europea sta perdendo la sua posizione di leadership a livello mondiale in materia di politica climatica attraverso la sua indecisione.

Licenza Creative Commons

Questo opera è distribuito con licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...