Le persone non sono abbastanza intelligenti per la democrazia.

Pubblicato: 11 marzo 2012 da ive in News & Articoli, Scienze Sociali
Tag:, , , ,

Traduzione a cura di Daniel Iversen e Maksymilian Pora

Il processo democratico si basa sul presupposto che i cittadini, o perlomeno la maggioranza di essi, siano in grado di riconoscere il miglior candidato politico, o l’idea politica migliore.
Un numero sempre crescente di ricerche però ha rivelato uno sfortunato aspetto della psiche umana che sembrerebbe smentire questa nozione, implicando invece che elezioni democratiche portano a leaderships e politiche mediocri.
La ricerca, guidata da David Dunning, psicologo alla Cornell University, dimostra come le persone incompetenti siano intrinsecamente inadeguate a giudicare le capacità o le qualità delle idee di altre persone. Ad esempio, se le persone non hanno competenza in materia di riforma fiscale, è molto difficile per loro identificare quali siano i candidati realmente esperti in materia.  Semplicemente mancano loro gli strumenti mentali utili a darne giudizi significativi.

Come conseguenza di ciò, non esiste una quantità di fatti o informazioni sui candidati che possa compensare l’inadeguatezza di molti votanti nel giudicarli. Prima di tutto “è molto difficile far addottare idee veramente intelligenti alla gente, questo perchè molti non hanno la raffinatezza di riconoscere il perchè un’idea è buona” ha detto Dunning a Life Little Mysteries.

Lui e il suo collega Justin Kruger, già della Cornell e ora della New York University, hanno dimostrato svariate volte che le persone si auto illudono quando si tratta di giudicare le proprie capacità intellettuali.

Anche quando i ricercatori testano la capacità delle persone di valutare la comicità di battute, la correttezza della grammatica, o addirittura la propria performance in una partita a scacchi, il duo ha scoperto che le persone valutano sempre le proprie prestazioni come “al di sopra della media” – anche quelli che, durante la prova, hanno avuto i risultati più scarsi di tutti. [le persone incompetenti sono troppo ignoranti per rendersene conto]

Semplicemente abbiamo poco criterio nel valutare le competenze altrui esattamente come lo facciamo per noi stessi. “Siete dei cattivi giudici per l’incompetenza degli altri nella stessa misura in cui siete incompetenti voi stessi,” dice Dunning.
In uno studio, i ricercatori hanno chiesto agli studenti di classificare dei quiz sulla valutazione dell’abilità grammatica. “Abbiamo scoperto che sono stati gli stessi studenti che hanno fatto peggio nel test a valutare in maniera più imprecisa il lavoro degli altri.” In sostanza, non hanno riconosciuto la risposta corretta nemmeno quando l’avevano vista.

La ragione di questa disconnesione è semplice: “Se avete dei lacune conoscitive in una determinata area, allora non siete nella posizione di valutare le lacune degli altri” dice Dunning.

Stranamente, però, in questi esperimenti, le persone tendono a concordare in maniera pronta e corretta su chi sono stati i peggiori, ma falliscono nel riconoscere quelli piu bravi.

Il più incompetente in mezzo a noi serve come i canarini nelle miniere, e questo lascia maggiori perplessità nel concetto di democrazia: persone veramente ignoranti possono essere i peggiori giudici dei candidati e delle idee, dice Dunning, tutti noi però soffriamo di una certa cecità derivante dalla nostra personale mancanza di competenza.

Mato Nagel, sociologo in Germania, recentemente ha simulato al computer, implementando le teorie di Dunning e Kruger, una elezione democratica. Nel suo modello matematico ha assunto che le capacità di leadership dei votanti fossero distribuite su una curva a campana – alcuni erano davvero buoni leader, altri no, la maggior parte erano mediocri – cosa che comportava che questi non fossero in grado di riconoscere le capacità di leadership di un candidato come migliori delle proprie..

Quando tale elezione è stata simulata, hanno vinto sempre i candidati le cui capacità erano solo leggermente maggiori rispetto alla media.

Nagel ha concluso che le democrazie raramente , se non affatto, portano alla elezioni dei leader migliori. Il solo vantaggio che portano rispetto alle dittature o altre forme di governo è che “prevengono efficacemente l’elezione di candidati inferiori alla media”.

Licenza Creative Commons
Questo opera è distribuito con licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Annunci
commenti
  1. Marco Malatesta ha detto:

    Forse la cosa da auspicare di più, ancora prima che la capacità dei cittadini a individuare un governante capace, sarebbe la capacità di individuare un governante che vuole fare l’interesse del Paese e non il proprio. Ma mi rendo conto che sia ancora più utopistico…
    Ma voglio sottolinearlo, perché ogni tanto si sente ancora dire che il problema principale dell’Italia (analogamente alle altre nazioni) sono i governanti incapaci. Mentre secondo me, con tutti i consulenti di economia ingaggiabili da un QUALUNQUE governo, la risposta migliore ai problemi economici sarebbe abbastanza univoca e poco opinabile: d’altra parte l’economia è molto basata sulla matematica e sulla storia, quindi se l’obiettivo è chiaro è difficile che molte persone ed esperte si sbaglino. Credo che il principale problema consista nella non volontà di risolvere i problemi.

  2. desversen ha detto:

    Il principale problema è un sistema economico basato sul profitto, e il continuo bisogno di dualismo per tenere la massa occupata a dover scegliere fra uno e l’altro, quando, per costruire un ponte da una sponda all’altra c’è solo un modo piu efficiente possibile per farlo, non migliaia, per questo io auspico che il metodo decisionale sia dettato dal metodo scientifico, ponendo come obiettivo la sostenibilità e l’efficienza

  3. studio davvero interessante quello dei summenzionati, aristotele lo avrebbe sottoscritto in pieno. peccato che a noi cambi poco, dato che di questi tempi i candidati ci vengono imposti dalla commissione..

  4. Fabio Iannace ha detto:

    grandi!!!

  5. francesco ha detto:

    Sono contento che qualcuno ha finalmente detto la verità : ad ogni elezione televisione e giornali fanno le pulci alla parte perdente dando per scontata una saggezza presunta del corpo elettorale
    E tutto ciò continua malgrado prove evidenti del contrario.
    E’ incredibile tutto questo perchè la storia più o meno recente del nostro paese ha dimostrato esattamente il contrario
    Lafratta Francesco

  6. Christian Lovato ha detto:

    Il solo vantaggio che portano rispetto alle dittature o altre forme di governo è che “prevengono efficacemente l’elezione di candidati inferiori alla media”.

    Se guardiamo le ultime elezioni, allora l’Italia non è una democrazia! 😀

    Dalla lettura del libro “La saggezza della folla” emerge che, secondo come è organizzata la democrazia, la folla potrebbe essere saggia pur essendo veri le deduzioni che vengono tratte dagli scienziati.
    Per esempio, si potrebbe organizzare una democrazia in modo che i pareri contrari si elidano, e che vinca il voto “medio”.
    Allora quel che rimane -potrebbe- essere saggezza 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...