Sempre meno natura e animali nei libri per bambini

Pubblicato: 7 marzo 2012 da ive in News & Articoli, Scienze Sociali
Tag:, , , , , ,

Traduzione a cura di Daniel Iversen

Il vostro libro preferito da bambino brulicava di animali selvatici ed era ambientato in giungle o profonde foreste? Oppure la storia si svolgeva all’interno di una casa o in una città, con pochi, se non nessun animale selvaggio in vista?

Un nuovo studio ha visto che nel corso degli ultimi decenni la natura ha preso un posto sempre più marginale nei libri illustrati per bambini maggiormente premiati, e questa tendenza, che fa molto riflettere, è coerente con un nostro crescente isolamento dal mondo naturale.

Un gruppo di ricercatori guidato dal professore J. Allen Williams Jr, della University of Nebraska-Lincoln, ha recensionato i libri vincitori della prestigiosa medaglia Caldecott, dalla nascita di questo premio nel 1938 fino al 2008. In totale sono state esaminate quasi 8.100 immagini contenute in circa 300 libri. I libri vincitori al Caldecott sono quelli che la American Library Association ha giudicato avere le più belle illustrazioni in un dato anno.

I ricercatori hanno esaminato se le immagini raffiguravano un ambiente naturale, come una giungla o una foresta, oppure un ambiente costruito dall’uomo, come ad esempio una casa, una scuola o un ufficio, o qualcosa a metà strada tra i due ambienti, come un prato artificiale. Hanno inoltre visto se nelle illustrazioni erano presenti eventuali animali, e , in caso affermativo, se queste creature erano selvatiche, addomesticate o con delle qualità umane.

I loro risultati, dice Williams, hanno esposto visibilmente un costante declino delle illustrazioni con ambienti naturali o con animali, come anche le interazioni degli esseri umani con entrambi. Nel frattempo, immagini con ambienti antropici sono diventate molto più comuni.

“Sono preoccupato del fatto che questa mancanza di contatto possa portare a prendersi meno cura del mondo naturale, ad avere minore empatia per che cosa succede ad altre specie e minore conoscenza di molti importati problemi ambientali” spiega Williams.

Nel complesso, gli ambienti antropici sono stati rappresentati nel 58 % delle immagini , e sono stati l’ambiente principale nel 45 % del tempo, mentre quelli naturali erano presenti nel 46 % delle immagini e sono stati il principale ambiente nel 32 % del tempo. Le linee di tendenza recenti sono però scoraggianti: gli ultimi decenni hanno mostrato un evidente spostamento sempre più lontano dalla natura. Mentre gli ambienti costruti e naturali avevano quasi la stessa probabilità di essere raffigurati dal 1930 al 1960, le città, le cittadine e gli interni hanno iniziato ad aumentare dalla metà degli anni settanta, mentre sempre meno libri hanno raffigurato l’ambiente naturale.

Nei sette anni dedicati allo studio, un numero sempre maggiore di persone hanno vissuto nei pressi di ambienti antropici, costruiti dall’uomo, questo spiega perché i ricercatori non erano sorpresi nel vedere queste immagini predominanti. “Ciò che troviamo in questi libri.. non è un equilibrio di proporzioni tra ambienti naturali e non,  indica invece un aumento significativo e costante degli ambienti antropici” scrivono gli autori. “Gli ambienti naturali sono tutti scomparsi”

Anche se lo studio si è limitato ai vincitori Caldecott, i ricercatori hanno detto che i risultati sono importanti perché questo concorso ha il potere di incentivare le vendite e i vincitori alla fine sono quelli più presenti nelle scuole e nelle biblioteche. I vincitori degli award di Caldecott sono in grado di influenzare i gusti letterari dei ragazzi più in generale.

Lo studio non dice che un crescente isolamento dal mondo naturale ha influenzato le tendenze dei contenuti, ma fa accenno al costante aumento di ambienti antropici e il simultaneo declino di ambienti naturali e di animali selvatici che è corente con questo isolamento.

“Ciò naturalmente non significa che l’ambientalismo non sia una parte importante della cultura americana, ma suggerisce che l’attuale generazione di bambini che ascolta le storie e guarda le immagini nei libri dedicati a loro non vengono spinti, almeno attraverso questa fonte, verso una maggiore comprensione e apprezzamento del mondo naturale e un posto degli esseri umani all’interno di esso” scrivono gli autori.

I risultati dello studio sono pubblicato nella rivista “Sociological Inquiry.”

Licenza Creative Commons
Questo opera è distribuito con licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...